anna-franck

Diario di un’adolescente: Anna Frank

Giovedì 6 luglio 1942

Cara Kitty,
così ce n’andammo sotto una pioggia scrosciante, il babbo, la mamma e io, ciascuno con una borsa da scuola o da spesa, piene zeppe di oggetti ficcati dentro alla rinfusa.
Gli operai che di buon mattino si recavano al lavoro ci guardavano con compassione, si leggeva loro in viso il rammarico di non poterci offrire un mezzo di trasporto; la vistosa stella gialla parlava da se’”
da il Diario di Anna Frank.

Inizia così settant’anni fa la clandestinità della famiglia Frank nell’Achterhuis (alloggio segreto, letteralmente “retrocasa” dall’olandese), situato in un vecchio edificio sul Canale Prinsengracht, nella parte ovest di Amsterdam. Nell’alloggio segreto avrebbero vissuto in otto per i due anni successivi, prima di essere traditi e scoperti. Anna Frank viene deportata a Bergen Belsen, dove muore nel 1945, poco prima che arrivassero gli inglesi a liberare il campo.

L’anniversario particolare che cade in questi giorni, ci invita a rispolverare un libro che tutti noi abbiamo letto a scuola come documento storico dello sterminio del popolo ebreo.
Alla valenza storica del Diario, non e’ sbagliato, ne’ ingenuo, riconoscervi l’essenza di un racconto ben riuscito delle dinamiche intime di un’adolescente.

E’ quanto ci invita a fare Aidan Chambers, in La penna di Anne Frank: “Se non avete letto il Diario di Anne Frank da molto tempo, lasciate che vi inviti a riprenderlo in mano. E, questa volta, leggetelo come un romanzo, dall’inizio alla fine e tutto d’un fiato, nel minor tempo possibile. (…) Il Diario è un grande libro su cosa significhi essere adolescente scritto da qualcuno che adolescente lo era davvero, nel momento in cui lo ha concepito.”

La tredicenne Anna Frank forse aveva gia’ capito tante cose quando, chiusa nel suo alloggio segreto, scriveva: “I genitori possono solo dare ai figli buoni consigli o indirizzarli sulla buona strada, ma la formazione definitiva della personalità di una persona è nelle mani della persona stessa.

Buona rilettura.
V.R.G.


lug 01, 2012 | Category: libri ragazzi | Comments: none | Tags: , , ,

 


Leave a Reply

Powered by sweet Captcha





bottom